(Adnkronos Salute) – Tre elementi oggi rendono più facile la cura dell’emofilia: nuovi farmaci, la farmacocinetica e l’attività fisica”. Così Giuseppe Malcangi, Uosd Centro emofilia e trombosi del Policlinico di Bari ha argomentato le nuove prospettive di cura dell’emofilia durante la settima tappa di ‘Articoliamo’, campagna sostenuta da Sobi con il patrocinio di FedEmo e dedicata a favorire la cura e il benessere delle articolazioni nelle persone con emofilia.

“Nuovi farmaci con emivita prolungata permettono di aumentare l’intervallo tra le somministrazioni del farmaco e così avere una quantità maggiore di fattore VIII nel sangue e quindi più protezione – assicura l’ematologo – poi c’è la farmacocinetica, che ci consente di quantificare la durata del farmaco nell’organismo e infine l’attività fisica: i pazienti che la praticano si assicurano una protezione più alta”. Una ricerca commissionata da Sobi ha rivelato come è cambiata l’attività fisica dei pazienti in epoca Covid: il 34% ha smesso di svolgerla, dato che sale al 50% nei pazienti con patologie gravi.

“L’approccio al paziente emofilico oggi è sempre più multidisciplinare -conclude Malcangi – l’ematologo rimane il regista ma è importante il coinvolgimento di fisiatra e fisioterapista e dei loro piani di riabilitazione per evitare problematiche articolari”.


Contatti:

Leggi anche

Salute

Roma, 30 apr. (Adnkronos Salute) – Crescono i centri dove è possibile vaccinarsi contro il Covid-19 in Italia. Con alcune differenze regionali. Negli ultimi sette giorni, la regione Puglia ha…

Salute

Roma, 30 apr. (Adnkronos Salute) – “La primavera è il momento in cui la vitamina D è per tutti più bassa, perché siamo più distanti dall’ultima esposizione al sole utile,…

Salute

Milano, 30 apr. (Adnkronos Salute) – Da angeli della pandemia a vittime di gogne mediatiche, di aggressioni vere e proprie, addirittura del loro stesso lavoro fatto di turni massacranti, ‘falle’…

Salute

Roma, 30 apr. (Adnkronos Salute) – “Quello che oggi ci preoccupa sono le conseguenze del Covid (long Covid) e del lockdown sui ragazzi. Abbiamo visto triplicare i problemi psicologici, i…

Source

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x

Pin It on Pinterest