2,9 litri, 6 cilindri, Gran Turismo berlinetta. A questo deve il nome la nuova Ferrari 296 GTB, una vettura che segna un importante punto di svolta (o di partenza) della casa di Maranello: si tratta infatti della prima ibrida plug-in.

Tutto questo non deve spaventare perché, come scopriremo nel video, il sistema riesce sempre ad erogare la massima potenza senza preoccupazioni per “batteria scarica”, andando più forte della sorellina 488 pista e registrando un tempo sul giro a Fiorano pari ad 1’21”.

Più di 330 KM/H di velocità massima, 0-100 KM/H in 2,9 secondi, 0-250 KM/H in meno di 11 secondi, 100-0 KM/H in meno di 30 metri e 200-0 KM/H in circa 107 metri.

Potenza incredibile, pari ad 830 cavalli, che vedono il motore endotermico “hot V” (con le turbine IHI all’interno delle bancate) con angolo tra queste ultime di 120 gradi, capace di sprigionare ben 663 cavalli a 8.000 giri/, registrando una potenza/litro record (per le auto di serie) di 221 cv/litro. La risposta è del 15% più veloce rispetto alle unità di generazione precedente, per via di polmoni modificati sulle testate e di giranti delle turbine (gemelle e controrotanti) alleggerite.

Il propulsore è tutto nuovo, si chiama Ferrari F163 e viene accoppiato a un motore elettrico, in asse, da 167 CV di potenza. L’unità MGU-K, a flusso assiale con doppio rotore e singolo statore, è montata tra il cambio e il motore a combustione interna. La batteria, collocata sul fondo della vettura, è da 7,45 kWh e fornisce alla 296 GTB un’autonomia di 25 km, se guidata esclusivamente in elettrico

La coppia complessiva è di 740 N·m. Sul powertrain è stato svolto un lavoro certosino anche per ciò che concerne il sound e le armoniche sviluppate, risultando virtualmente simile ad “un piccolo V12”.

Lunga 4565mm, larga 1958mm e alta 1187mm, la 296 GTB vanta un passo corto di “appena” 2,6 metri, che conferisce un’agilità fuori dal comune ad un prodotto che per Ferrari DEVE essere prima di tutto compatibile con la filosofia FUN TO DRIVE.

Continuando a parlare di specifiche tecniche, notevole ricalcare il peso a secco di appena 1.470 kg, batteria da poco più di 7 kWh inclusa, che diventano circa 1.600 kg in ordine di marcia. Solo il motore, che rinuncia ad “almeno” due cilindri, fa risparmiare 30 KG; senza contare che il Pack Fiorano, oltre alla maggior deportanza (fino a 370Kg con ala posteriore ingaggiata), riduce di ulteriori 15KG le masse complessive.

STAR assoluta della vettura è lo sterzo, che grazie all’assenza di smorzatori idraulici (il resto è simile alla SF90) risulta direttissimo e immediato come non mai e i freni, freni… i freni.

Brake-by-wire, con dischi da 398 mm all’anteriore e da 360 mm al posteriore e un nuovo sistema ABS EVO con predizione del grip, capace di essere talmente efficace da ambiare paradigma di guida, portando il pilota a frenare fin dentro la curva accarezzando il punto di corda, con un’efficacia disarmante.

Source