Elon Musk, fondatore di Tesla e di Space X, è salito in poco più di 12 mesi al vertice dell’indice dei miliardari di Bloomberg. Musk ha iniziato il 2020 al 50° posto, con un attivo di circa 27 miliardi di dollari, mentre il fondatore di Amazon, Jeff Bezos, occupa il primo posto dall’ottobre 2017. In un anno, tuttavia, molte cose sono cambiate, e Musk ha ora un patrimonio di 185 miliardi di dollari (rispetto ai 184 miliardi di dollari di Bezos). Tesla, sull’onda dei profitti registrati nelle ultime relazioni trimestrali, ha visto aumentare il valore delle sue azioni in borsa: Tesla è stato infatti il miglior titolo del 2020 con un rialzo di quasi l’800%, e con un ulteriore +6% registrato ieri sull’onda delle notizie. Ogni azione Tesla vale oggi 802 dollari, con una capitalizzazione totale di 750 miliardi di dollari, superiore a quella di Facebook e di alcune delle maggiori case automobilistiche messe insieme.

Oltre al fatto che le azioni Tesla sono cresciute molto più velocemente di quelle di Amazon, una serie di altri fattori spiega il sorpasso. Ad esempio, il divorzio di Jeff Bezos da MacKenzie Scott, che è costato al manager il 25% delle sue azioni di Amazon.

Dopo Musk e Bezos nella lista dei “grandi nomi” di Bloomberg ci sono il fondatore di Microsoft Bill Gates, Warren Buffett e il co-fondatore di Oracle Larry Ellison.

Secondo l’analisi di Morgan Stanley, Tesla è destinata a crescere ulteriormente nel 2021, quando diventerà leader nel mercato dei veicoli elettrici: il prezzo target è stato così innalzato da 540 a 810 dollari, confermando il suo rating di “sovraperformance”. In seguito all’apertura di due nuovi stabilimenti, l’azienda dovrebbe inoltre consegnare 3,8 milioni di auto entro il 2030, rispetto ai 3,8 milioni inizialmente previsti dai principali analisti.

Source

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x