La campagna vaccinale «deve proseguire in modo uniforme a livello nazionale, senza deroghe». E le categorie prioritarie di persone da proteggere dal Covid sono «le persone fragili e quelle più anziane, ossia le più vulnerabili all’infezione». Quindi l’ordine di priorità vede in cima over 80 anni e persone con elevata fragilità. E prosegue con un criterio anagrafica: le persone di età compresa tra i 70 e i 79 anni e, a seguire, di quelle di età compresa tra i 60 e i 69 anni. Sono queste le direttive contenute nella recente ordinanza del commissario straordinario all’emergenza Covid-19, generale Francesco Paolo Figliuolo, inviata alle Regioni. Ma vanno registrate non solo le «intemperanze» del governatore della Campania Vincenzo De Luca, che minaccia di non procedere per fasce d’età, ma anche strategie anagrafiche differenti all’interno dei paletti fissati dal commissario. Il Lazio, ad esempio vaccina già gli over 60, mentre la Lombardia è ferma agli over 70.

Campania va allo scontro sulle priorità

In Campania De Luca, una volta completata la vaccinazione di ultra ottantenni e i fragili, non sembra intenzionato a procedere per fasce di età. Ma punta al rilancio del comparto turistico in Campania con la vaccinazione di massa nelle isole di Capri, Ischia e Procida. «Realtà concreta è l’accumulo di Astrazeneca non utilizzato per varie indisponibilità. Per questo vaccino – incalza – si procederà a una utilizzazione anche per le categorie economiche».

Loading…

Nel Lazio al via prenotazioni 60-61 anni

Nel Lazio, le prime dosi in arrivo del vaccino Johnson&Johnson saranno destinate in prevalenza al personale che lavora in carcere e ai detenuti, indipendentemente dall’età. L’obiettivo è utilizzare 10mila delle 18mila dosi che saranno consegnate come primo stock per vaccinare tutti i detenuti in tre giorni, dal 19 al 21 aprile. Non solo. Il Lazio, più avanti della media nazionale nella vaccinazione con prima dose nella fascia 70-79 anni (32,8%), ha già aperto agli over 60. Dal 12 aprile le prenotazioni on line (finora possibili fino a 62 anni) sono state estese anche a nati nel 1961 e 1960 (60 e 61 anni).

In Lombardia ancora non attivate prenotazioni 60-69 anni

La Lombardia, agli ultimi posti in Italia per prima dose di vaccinazione nella fascia 70-79 anni (6,8%) non ha invece ancora aperto alle vaccinazioni degli over 60. «Per la fascia dai 60 ai 69 anni apriremo le iscrizioni quando avremo coscienza delle prossime forniture, quando sapremo con precisione la quantità di vaccini che ci verrà consegnata» ha detto il governatore lombardo, Attilio Fontana, che ha aggiunto: «Prevediamo che nelle prossime due settimane si possa concludere la campagna per i 70-79 anni. Ma abbiamo vaccinato con una dose tutti gli over 80 che avevano aderito alla campagna vaccinale». I vaccini agli insegnanti sono stati sospesi, ad eccezione di chi aveva già prenotato un appuntamento.

Liguria vara calendario prenotazioni dosi fino ai 40 anni

La Liguria si è portata avanti. Anche se il ministro della Salute Roberto Speranza prevede solo entro fine giugno la vaccinazione degli over 60, la Regione ha diramato il calendario per le prenotazioni del vaccino anti Covid delle fasce d’età fino ai 40 anni. Le prenotazioni nella fascia 65 e i 69 anni inizieranno dal 16 aprile. Una settimana dopo, dal 23 aprile toccherà alle persone tra i 60 e i 64 anni. Ma dall’11 maggio anche le prenotazioni saranno aperte anche per la fascia 55-59 anni. E a seguire tutte le altre. Fino al 15 giugno quando scatteranno quelle tra i 40 anni e i 44 anni.

Source

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x